top
Italian Chinese (Simplified) Croatian Danish English Finnish French German Norwegian Polish Portuguese Russian Spanish Swedish
Mostly Cloudy

1°C

Lago di Garda

Mostly Cloudy

Annalisa Mancini

Annalisa Mancini

Sono una editor dalla lingua biforcuta ma dal cuore di panna, mangio musica e pastasciutta, scrivo e leggo di politica e ambiente. Se serve uso la penna rossa per i testi scritti da altri, do brutti voti solo dopo mezz'ora di arringa ma amo chi mi legge.

“Evviva! Filosofia e musica!”: è l'esclamazione di Ludwig van Beethoven citata da Massimo Cacciari durante la sua lezione-teatro al Festival della Bellezza 2018 e che meglio descrive il tentativo del professore veneziano di spiegare al folto pubblico del Teatro Filarmonico il rapporto simbiotico e necessario tra composizioni musicali romantiche e estetica.

Un tentativo ben riuscito forse soprattutto per gli appassionati e gli studenti presenti in sala, sostenuto dalla bella retorica e dalla divertente pronuncia veneta di Cacciari, che è sembrato inizialmente impacciato ai suoi primi passi sul palco dello storico teatro gremito.

Un inedito viaggio per ripercorrere l'evoluzione della filosofia tra Ottocento e Novecento, da Kant a Schopenhauer passando per Hegel.

Una lezione in musica quella di Cacciari che ha regalato anche al pubblico meno preparato un'idea nuova del ruolo della musica: “quando, dopo il Bello, interviene il Sublime, la parola non basta più perché il Sublime parla della destinazione ultrasensibile dell'Anima”.

Ecco allora che solo la musica può descrivere l'infinita nostalgia (unendliche Sehnsucht) dell'uomo romantico, solo di fronte alla Natura fuori e dentro di sé.

Rari gli interventi della pianista Ilaria Loatelli, che si è esibita con il primo e terzo movimento de “La Tempesta” di Beethoven e in un “Improvviso” di Schubert.

“Festival della Bellezza”: una concezione alternativa dello spettacolo

Nel 2012 Ivano Fossati aveva giurato che non avrebbe più suonato dal vivo. E così ha fatto.

All'edizione 2018 del Festival della Bellezza, Fossati è con il giornalista Massimo Bernardini per presentare il lavoro di recupero dei nastri di Giorgio Gaber, attraverso un lavoro di ingegneria del suono che ha dato vita all'album “Le donne di ora”, titolo anche di un brano inedito dell'artista milanese scomparso nel 2003.

Fossati attraversa il palco del Teatro Romano di Verona a passi lunghi e parla al pubblico come un appassionato professore farebbe ai suoi studenti, ripercorrendo la discografia di Gaber nel contesto dell'Italia degli ultimi cinquant'anni.

Una lezione di storia della musica costruita da Massimo Bernardini – anche biografo di Giorgio Gaber – come un dialogo tra le canzoni del cantautore scomparso e i brani più significativi di Ivano Fossati.  A cominciare da “Ciao ti dirò”, brano del 1958 e disco che inaugura la carriera discografica di Gaber e la nascita della Dischi Ricordi: accreditato come il primo rock 'n roll italiano eppure suonato con stilemi jazz, “certifica – racconta Fossati – l'anomalia rappresentata da Gaber nel mondo della musica italiana”.

Anche la più famosa “Non arrossire” è stata fatta rivivere grazie alle tecniche digitali, restituendo così tutta la modernità dell'arrangiamento, la compattezza della sessione ritmica e la novità dei violini. “Non sono solo canzonette”, insomma, quelle di Gaber prima della nascita del signor G, ma opere di professionisti della musica, come Iller Pataccini per Gaber e Davide Martini per Fossati.

Con “Le strade di notte” del 1962, Gaber conferma la sua essenza avanguardista e per il testo usa parole che appartengono più alla letteratura che alla musica di quegli anni in Italia. Si apre così la strada per il teatro-canzone e per le collaborazioni importanti con professionisti della musica e artisti come Luporini, Simonetti e Casellato e per i recital con Mina, che nel 1970 affianca il signor G e lo farà conoscere al pubblico teatrale.

“Faticoso – racconta Fossati – è stato anche il recupero del nastro di “Com'è bella la città” (1968), amaro racconto per paradossi del mito del progresso e della città come promessa finita.

Un lavoro di remastering dei file digitali che Bernardini chiama scherzosamente “trattamento Fossati” e che al pubblico del Teatro Romano riserva l'ascolto dell'inedito “Le donne di ora”, completamente ricostruita da Fossati intorno alla bellissima voce di Giorgio Gaber.

“Sono le canzoni di una volta che ci illuminano, come dei piccoli miracoli e quello che fa di un musicista un grande artista è la sua natura intuitiva di anticipatore: negli anni sessanta e settanta la discografia era più illuminata ma non perché gli artisti fossero migliori!”.

Fossati non rimpiange i bei tempi né si chiude a retrospettive narcisistiche ma lascia aperta la porta ai giovani che fanno musica e che all'Università di Genova lo chiamano professore, mentre aspettano di rivederlo sul palco con la chitarra e la band.

“Non so. Non saprei dire. L'etica? Non sono competente in materia”. Laura Morante non sa. Almeno una decina di “non so” alle domande del giornalista Beppe Muraro durante la presentazione della sua raccolta di racconti “Brividi Immorali”, esordio letterario dell'attrice e regista.

E' una Morante ironica e modesta, sincera e timida quella che incontra il pubblico di Bardolino in occasione della rassegna Parole Sull'Acqua 2018”.

Un'esordiente d'eccezione che sembra però non cavalcare la fama di diva del cinema né di regista di successo né quella di “nipote di” (Elsa Morante, ben più nota scrittrice d'eccellenza). Siede elegante e composta di fronte a un pubblico numeroso, curioso di lei, dei suoi tic nervosi, della sua voce morbida e graffiata insieme che racconta di un'infanzia trascorsa tra i libri, “unico svago nella provincia di allora”.

La pubblicazione è arrivata su insistenza dell'amica Elisabetta Sgarbi, direttrice della casa editrice La Nave di Teseo, che è diventata a un certo punto anche la lettrice di riferimento della Morante: “A differenza di molti scrittori, come Céline ad esempio, che per scrivere hanno bisogno di immaginare un lettore ostile, io ho avuto bisogno di pensare a un pubblico amico”.

Ridacchia, con un  secco e contenuto "ah-ah" e chiude il tentativo di parlare di sé e della sua opera. “Brividi Immorali” prende il nome da uno degli interludi contenuti nella raccolta: “Un titolo ironico, i brividi sono in realtà piccole trasgressioni quotidiane, piccole aperture che si squarciano e diventano abissi”.

E così non raccogliere gli escrementi del cane diventa una sfida con se stessi, con l'etica, con ciò che è giusto e accettabile, innescando una divertente lista di future trasgressioni:

“E ora si aprono prospettive infinite.

Abbandonare sulla spiaggia un sacchetto di plastica.

Farsi strada sgomitando per arrivare tra i primi al buffet.

Corteggiare i potenti.”

[…]

La Morante scrive inconsapevole di aver trattato il tema della conciliazione della moralità con le proprie aspirazione e pulsioni, non sa individuare le influenze né si dimostra interessata a parlare delle nomination a David di Donatello e Nastri d'Argento.

Scrive però con due certezze: voler trattare le parole come musica, decidendo di dare una denominazione musicale ai racconti più brevi, aperti e chiusi dai pentagrammi di Nicola Piovani, e restituire la realtà con sincerità, con l'onestà di chi ricerca l'aggettivo giusto per giorni e giorni.

Non per perfezionismo maniacale bensì per rendere onore all'arte, “citando Cechov: si può ingannare la gente, persino Dio ma nell'arte non si può mentire”.

L'autrice chiarisce di aver trattato i racconti e gli interludi come dei ritratti dal vero, per quanto possano risultare surreali e lontani da una riproposizione naturalistica, lasciando libero sfogo all'attitudine del voler ascoltare più voci, di voler guardare la scena da più punti di vista: “Una questione di prospettiva, che ho cercato di rendere evidente diversamente dalla semplice economia dello sguardo e usando il filtro dell'ironia”.

Una Laura Morante diversa da quella che in molti si aspettavano: apparentemente altezzosa, troppo francese per essere italiana, si dice. Una grande che vorrebbe scomparire dietro alle parole scritte: “Amo la narrazione stratificata, in questo senso gli interludi hanno una scrittura meno egocentrica”, spiega.

Soprattutto nell'ultimo racconto (Controvoglia) le sembra di aver centrato l'obiettivo: lasciare che il racconto si componesse da solo, che la realtà apparisse evidente senza doverne scrivere.

Ma sono gli interludi i suoi preferiti: “Se potessi, scriverei solo haiku. Gli interludi mi hanno permesso una prosa musicale, con pari attenzione a senso e musica”.

Si tocca i capelli, ridacchia breve, sorride: “scrivere è stato un gesto temerario ma amo sfidare la mia natura di fifona”.

Eppure la Morante non teme il giudizio e stupisce ammettendo di preferire un buon libro a un buon film. Niente di autobiografico in Brividi immorali” perché tutto è autobiografico.

 

Prova disagio a un riporto cosciente del proprio vissuto e confessa di essere il giudice più severo di se stessa: “Ho paura di scrivere cose che non piacciano a me. Quando non piace a me, nessuna lode può compensare.”

Dimenticatevi Povia, il Festivalbar e Music Farm: quello è il Francesco Baccini di chi è nato dopo il 1980 o di chi ha sempre snobbato il cantautorato italiano. Baccini c’è ed è l’artista di sempre, che scandisce bene le parole dei suoi testi e li regala generoso anche sul palco di Cavaion Veronese nella fresca serata di domenica 20 maggio.

Da subito svela il suo sangue blues con “Troppa birra nei bar “e coccola i fan storici con la più celebre “Ho voglia di innamorarmi” ma resiste solo un paio di brani e poi non le manda a dire: è con un brano dello stesso album del 2010, la lucida e amara fotografia di “Ci devi fare un goal”, brano – come racconta Baccini stesso dal palco – scelto da Caterina Caselli (Sugar) e rifiutato da Sanremo.

E’ un’Italia immobile quella cantata dal cantautore genovese, fatta di “vite di serie C” e di paura, quella paura del diverso già nel 1993 e ben disegnata in “Mani di forbice”. Un’Italia che non deve piacere molto a Baccini, che pare improvvisare la scaletta in continuo dialogo con il suo chitarrista, Fabio Schimmenti, e il batterista Max Baldaccini (per un attimo alle prese con la percussione di un set di pentole), un Paese fatto anche di musicisti che abusano dell’autotune suscitando tutto il sarcasmo di cui l’artista è capace.

Negli anni settanta Baccini era il giovane e promettente portiere della Sampdoria, che coltivava i miti musicali di allora. Tra questi, Fabrizio De André, con il quale compone Genova Blues, inno dedicato alla sua città e quella che sarebbe diventata la sua nuova squadra del cuore dopo la morte del padre: il Genoa.

Un cantautore che non ha dunque paura di cambiare idea né di pentirsi e scusarsi per aver fatto scelte poco intelligenti per la sua integrità artistica, scelte che negli ultimi dieci anni hanno offuscato la qualità della sua produzione e fatto dimenticare la prima Targa Tenco conquistata nel 1989 con “Cartoons”.

Si regala al pubblico con professionalità, seduto alle tastiere dimostra di aver continuato a coltivare passione e conoscenza di uno strumento (il pianoforte) che conosce bene, la voce è chiara, ferma ed espressiva, non molto diversa da quella del 1990 nel brano “Le Donne di Modena”.

L’arma del sarcasmo ferisce ora come allora e definisce i contorni di una realtà che appare oggi ancor più vera di 22 anni fa, quando esce Filma”, brano censurato dalle radio per istigazione alla violenza. Erano i brutti anni di Pietro Maso e dei sassi dai cavalcavia e Baccini li aveva immaginati con i caratteri contemporanei della mania di apparire in video.

Canta il suo tributo a De André con l’altrettanto cinica “Ballata dell’amore cieco” e ripropone successi più recenti come la colonna sonora del campione di incassi “Maschi contro Femmine” (2010), pezzo frutto di una scrittura spontanea e fulminea: “mi hanno detto il titolo del film e l’ho composta in otto minuti”.

Ma il pubblico chiede “Sotto questo Sole”, tra i singoli più venduti del 1990, e “Margherita Baldacci”, geniale sberleffo alla musica leggera italiana.

Francesco Baccini accontenta il suo pubblico storico e sorprende chi si trovava a passar di lì per caso: jeans e cappellino, si alza in piedi e si inchina a ogni canzone, uomo da cabaret che fotografa il suo Paese, scanzonatamente romantico, genialmente normale.

 

 

News

  1. Real Time
  2. Culture
  3. Music
  4. Events
  5. Radio 4.0
next
prev

ON AIR

MEDIAPARTNER DI

Festival "Le Terre del Garda"

Festival "Le Terre del Garda"

21-03-2017

2°Verona Mountain Film Festival con Radio Garda Fm

2°Verona Mountain Film Festival con Radi…

16-03-2017

Fish&Chef

Fish&Chef

21-03-2017

WebCam

Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background

Instagram

About Us

La Prima Radio del Lago di Garda.

RADIO GARDA FM ® : emittente radiofonica creata dai professionisti della radio nazionale.

RADIO GARDA FM ® è fornitore di contenuti per la trasmissione radiofonica digitale n.29, rilasciata dal Ministero dello Sviluppo Economico per le zone di: Verona, Trento, Brescia, Mantova, Vicenza, Padova e le provincie limitrofe.

more

Dove siamo

Showcases

Background Image