top
Italian Chinese (Simplified) Croatian Danish English Finnish French German Norwegian Polish Portuguese Russian Spanish Swedish
Garda Events

Garda Events (66)

Gli eventi dedicati all’arte, alla cultura, al life style, all’ enogastronomia e al territorio che Radio Garda Fm, con una cronaca dettagliata dei fatti, ha scelto di seguire per Voi. La Prima Radio del Lago di Garda… è sempre in prima fila.

Alla rassegna "Tener-a-mente Oltre" del Festival del Vittoriale non poteva mancare Richard Galliano, musicista, compositore e virtuoso della fisarmonica e del bandoneon (fisarmonica inventata dal musicista tedesco Heinrich Band. Indispensabile nelle orchestre di tango argentine).

La location, variata a seguito delle avverse condizioni del tempo presso il Teatro di Villa Alba, a poche centinaia di metri dal Vittoriale e il caldo non hanno deluso il “tutto esaurito”.

Da molti considerato l'erede di Astor Piazzolla, proprio da quest'ultimo, ha ricevuto l'imput di "riscoprire le sue origini francesi, portando alla luce il New Musette come Piazzolla aveva fatto con il Tango Nuevo".

Ciò che contraddistingue il lavoro di Galliano è l'unicità delle sue composizioni e interpretazioni, spaziando in per generi e stili di musica.

L'atmosfera unica che la fisarmonica riesce a creare, è resa ancora più intensa dall'impronta che Galliano riesce dare alle sue interpretazioni.

Un live che potremmo definire “Richard Galliano solo”, ancora più minimalista e profondamente intenso, che ha “donato” al pubblico emozioni e atmosfere forti, dal tango argentino alle melodie francesi e mediterranee, ai ritmi brasiliani con ballads e tocchi di valzer fino al tango Nuevo di Piazzolla.

La set list ha visto l'esecuzione dei brani: "Aria", "Chat Pitre", "Fou Rire", "Tango Pour Claude", "Barbara", "La Valse a Margaux", "Aurore", "Libertango", "Oblivion", "Sertao", "Odeon", "Lili", "Love Day".

 

Come sempre l'organizzazione del Festival del Vittoriale nonsi è lasciata intimorire dagli inconvenienti dell’ultimo minuto, dando esempio di assoluta efficienza e professionalità.

Il terzo appuntamento del Verona Folk 2017, nella cornice del parco di Villa Venier a Sommacampagna (VR),ha visto come protagonista, unica data in Veneto e registrando il tutto esaurito, uno dei maggiori cantautori italiani: Eugenio Finardi.

Il tour tributo ai "40 Anni di Musica Ribelle - Diesel Edition" rende omaggio all'album Diesel” pubblicato da Finardi nel 1977 e divenuto una pietra miliare della carriera del cantautore milanese.

 "Musicista bipolare", per definizione dello stesso Finardi, che nel corso della sua carriera, si è sempre posto in modo trasversale rispetto al mondo della musica, senza lasciarsi influenzare da dinamiche commerciali, spaziando in sonorità che vanno dal blues all' hard rock, dal folk al reggae e alle ballad acustiche, sino ai registri più sincopati di matrice jazz.

Finardi è un artista figlio del suo tempo dallo stile sempre coerente con i suoi tratti espressivi e definendo così questo nuovo progetto: “è il mio ritorno al futuro. Sono andato a scavare tra bobine, suoni, canzoni, ricordi e ho trovato l'energia che vibra nelle ossa ed entra nella pelle".  

"40 Anni di Musica Ribelle - Diesel Edition" non è solo il festeggiare un successo nel tempo, ma quello rimarcare un esempio dei più lucidi di collettivo, nel quale è stata tangibile la coesione tra il modo di suonare e  scrivere parole a quello di vivere e di essere.

Il rivivere di una generazione all'epoca unita da un'utopia, erano gli anni della Cramps fulcro e fucina di creatività ed emozioni, dove il denaro era considerato un mero strumento borghese.

Finardi e la band di giovani, ricca di energia, che lo segue ormai da sei anni, composta da Giovanni Maggiore detto Giuvazza  alle chitarre elettriche, Marco Lamagna al basso, Claudio Arfinengo alla batteria e la new entry, 21 anni di età, Maximilian Agostini alle tastiere,  hanno rapito il pubblico :  "Voglio", "Soldi", "La C.I.A." una canzone nata quasi per scherzo, "Oggi ho imparato a volare", "La Radio" nata come jingle per l'emittente Radio Milano Centrale, ora Radio Popolare, diventata poi una canzone inno delle radio libere  di allora, "Musica Ribelle" primo vero pezzo di rock italiano ("Sugo" - 1976), "Se solo avessi" ("Non gettate alcun oggetto dai finestrini" - 1975), "Le Ragazze di Osaka" ("Dal Blu"  - 1983),  "Scuola" , "Giai Phong", brano nato dopo la lettura del libro omonimo "Giai Phong! La liberazione di Saigon" scritto dal giornalista/scrittore Tiziano Terzani (1938-2004) ("Diesel" - 1977). 

E poi ancora: "Non diventare grande mai" precedutoda una riflessione sulle intuizioni che all'epoca hanno portato Finardi a scrivere il brano nonostante la giovane età, "Si può vivere anche a Milano", "Non è nel cuore" , "Scimmia" un racconto freddo e crudele sulla droga, "Zucchero"  ("Diesel" - 1977), "Un uomo"  ("Occhi" - 1996), "Patrizia" ("Finardi" - 1981).

La chiosa al concerto è arrivata con i bis: "Extraterrestre" dall'album "Blitz" - 1978, un blues tratto dall'album "Anima Blues" - 2005, Amore diverso" una bellissima dichiarazione d'amore alla figlia, nata con la Sindrome di Down ("Dal Blu" - 1983).

Nel corso del concerto Finardi ha dato spazio alla chitarra psicadelica di Giovanni Maggiore "Giuvazza", che ha presentato, due brani del suo primo album prodotto da Eugenio Finardi, di prossima pubblicazione,"Nudisti al sole" e "Ti stai cercando".

 Un grazie va a Verona Box Office, per l’impegno e l’organizzazione impeccabile della rassegna che si concluderà al Teatro Romano di Verona il 31/08/2017 alle ore 21.30 con gli Inti-Illimani Historico.

Quando si dice "basta la parola", ma in questo caso basta il nome Steve Winwood per essere catapultati nell'enciclopedia della storia del rock.

Nella suggestiva cornice del Vittoriale degli italiani, l'edizione 2017 di Tener-a-mente ha ospitato Steve Winwood.

Compositore, cantante e polistrumentista britannico, uno dei grandi del soul bianco che fin dalla giovane età, ora 69enne, non ha distratto il suo talento, suonando con i grandi del blues come B.B.King, Chuck Berry, Muddy Waters, acquisendo e facendo proprio uno stile soul-blues.

Poi è tutta storia, continua il cammino fondando uno dei gruppi inglesi più importanti in assoluto i Traffic e poi ancora il sodalizio con Eric Clapton Ginger Baker che li porta a costituire il primo super-gruppo rock dei Blind Faith. 

Innovatore e dotato di una forte sensibilità artistica, ha introdotto la psichedelia nel rock, entrando di diritto nell'avanguardia musicale.

Steve non ha mezze misure e coinvolge i 1500 del Vittoriale da subitocon le sonorità degli anni ruggenti  della Spencer Davis Group, la band di Birmingham dove esordì insieme al fratello Muff, con “I'm a Man” ed esibendo sul palco lo storico organo Hammond.

Un viaggio nel tempo oramai iniziato e ne incalza una dietro l’altra come "Pearly Queen", la suggestiva "The Low Spark of High Heeled Boys" o l'eterna "Can't Find my Way Home", la delicata "Fly" e poi "Dear Mr Fantasy" per terminare con "Gimme Some Lovin' " il successo internazionale entrato nella speciale classifica americana di musica nera.

Una voce travolgente quella di Steve Winwood la sua chitarra elettrica e la sua band con i contro fiocchi, hanno saputo tenere il ritmo scaldando un pubblico assetato di musica.

Grande organizzazione quella del Vittoriale, precisa e attenta come le iniziative. Infatti nell' attesa dell'inizio del live, due attrici Emauela Camozzi Jessica Leonello, in divisa da maitre di sala, hanno offerto due "Menù in versi"passando tra il pubblico, nei quali al posto delle pietanze, dall'antipasto al dolce, erano elencati titoli di poesie che andavano da D’Annunzio a Pasolini da Ada Merini a Garcia Lorca, recitandole.

Verona Folk 2017, rassegna musicale organizzata da Box Office Live, ha mantenuto lo standard qualitativo delle precedenti manifestazioni, presentando alla sua tredicesima edizione, un cartellone di tutto rispetto.

Le location destinate ad ospitare gli artisti italiani e internazionali in programma, sono sicuramente un valore aggiunto di tutto rispetto: il suggestivo parco di Villa Venier a Sommacampagna (VR) e lo straordinario Teatro Romano di Verona.

L'apertura della manifestazione a Villa Venier registra il tutto esaurito con uno degli artisti italiani più rappresentativi del cantautorato folk: Angelo Branduardi, accompagnato da Antonello D'Urso alle chitarre, Stefano Olivato al basso e contrabbasso elettrico, Davide Ragazzoni alla batteria e Andrea Pollione alle tastiere.

Il celebre cantautore, violinista e chitarrista milanese con il suo "Hits Tour 17" ha proposto brani del repertorio storico e quelli di più recente composizione, il tutto in chiave più "elettrica".

Tra i brani proposti: "Si può fare" testo di Luisa Zappa, "Domenica e lunedì" testo di Luisa Zappa e Angelo Branduardi (da una poesia di Franco Fortini), "La serie dei numeri"  testo di Luisa Zappa e Angelo Branduardi, un estratto de "L'infinitamente piccolo" un album pubblicato nel 2000 nel quale il musicista ha messo in musica la vita di San Francesco d'Assisi, tutti i testi sono stati curati da Luisa Zappa e basati sufonti francescane, "La pulce d'acqua" , "Alla fiera dell'est"  e "Cogli la prima mela" testi di Branduardi - Zappa,

Una musica raffinata quella di Branduardi e uno stile musicale narrante, che nel tempo ha saputo coinvolgere un pubblico popolare con sonorità folk a tratti auliche.

Branduardi non è sicuramente un one man show ma la musica è padrona e intrattenitrice, il “menestrello” comunica e scherza con il pubblico attraverso la musica, creando una atmosfera unica e coinvolgente.

Da non perdere gli altri appuntamenti del Verona Folk 2017:

il 18/07 Villa Venier - Enzo Avitabile con Naat Veliov & The Original KoČani Orchestra

il 28/07 Villa Venier - Eugenio Finardi

 il 31/08 Teatro Romano - Inti-Illimani Historico

Anche quest’anno la 44esima edizione del Verona Jazz sta regalando al pubblico, sette concerti di spessore musicale unico.  

Sul palcoscenico del Teatro Romano si sono alternati artisti come Billy Cobham Band, Paolo Fresu “Devil Quartet”, David Gazarov Trio, Raphael Gualazzi, Stefano Bollani fino ad arrivare a Simona Molinari con il suo “Loving Ella”, un progetto, oramai collaudato e presentato nella versione estiva con l’aggiunta di un ospite speciale: Mauro Ottolini.

Ad accompagnare Simona Molinari una band di musicisti di tutto rispetto come: Fabio Colella batteria, Fabrizio Pierleoni contrabbasso, Gian Piero Lo Piccolo sax e clarinettoe Claudio Filippini pianoforte.

Un tributo personale che Simona Molinari ha voluto rendere alla regina del jazz Ella Fitzgerald, proprio nella ricorrenza dei cento anni dalla nascita. Un’artista che ha influenzato molto le scelte artistiche della Molinari, lo afferma sul palco:“prima ancora che uno stile o una particolare tecnica vocale, quello che realmente mi ha trasmesso la musica di Ella Fitzgerald è stato imparare a sognare. Così, ad un certo punto, ho iniziato a sognare di fare la cantante”

Un escursus nella vita della regina del jazz riproponendo alcuni dei brani più famosi, che hanno segnato la storia travagliata della cantante statunitense, la quale, ricordiamo, è stata attiva per 59 anni pubblicando una settantina di album con circa 40 milioni di copie vendute.

Il repertorio ha visto Simona Molinari reinterpretare brani come “A-Tisket, A-Tasket” del 1938, “Bewithched” del 1940, nell’adattamento in omaggio a Duke Ellington con “Portrait of Ella Fitzgerald”, la canzone divenuta uno standard del jazz, “It don’t mean a thing (If it ain’t got that swing)”, “A Sentimental Mood”, la toccante“The man I love” con musiche di George Gershwin e“Smoke gets in Your Eyes”

Il repertorio di sicuro effetto, non ha però creato quella magia, che avrebbe dovuto trasmettere. Forse la continua riproposizione dello spettacolo, ha di volta in volta fatto perdere al progetto la spontaneità nei dialoghi, nella narrazione della vita di Lady Ella, a tratti enciclopedica, e negli sketch che hanno strappato sorrisi ma hanno messo in evidenza un live preconfezionato.

Uno spettacolosalvato dal calibro dei musicisti presenti sul palco, per non parlare della performance di Mauro Ottolini, che ha sorpreso il pubblico del Teatro Romano con le sue shells, le conchiglie.

Nel finale Simona Molinari ha presentato tre brani del suo repertorio: “Egocentrica” la prima canzone che l’ha fatta conoscere al grande pubblico, un adattamento di “In cerca di te (Sola me ne vo per la città) di Natalino Otto e il pezzo che forse l’ha resa famosa presentato al 63° Festival di Sanremo “La Felicità”, con Peter Cincotti.

La chiusura del concerto è stata con “You’ll Have to Swing (Mr.Paganini)” brano scritto da Sam Coslow e registrato da Lady Ella nell’ottobre del 1936.

 Ultimo appuntamento di Verona Jazz 2017, siglato Eventi Verona (Event), vedrà sul palco Luca Aquino & The Jordanian National Orchestra Ensemble il 26 giugno.

Il16 maggio si è aperto Web Marketing Festival Rock Contest. che si concluderà il 17 giugno prossimo per la 5^ edizione del Web Marketing Festival ma l’11 giugno è l’ultima data utile per partecipare.

L’iniziativa ha l’intento di valorizzare i nuovi talenti del rock italiano, una vetrina che abbina la voglia di fare musica alla formazione, elemento indispensabile per lavorare nel settore.

L’edizione di quest’anno è ulteriormente arricchita grazie al dbTechnologies, un’occasione unica per le band emergenti che concorreranno. Tutto si baserà sulla presentazione del loro progetto digitale agli ascoltatori di Virgin Radio che potranno votare la migliore direttamente sul sito dell’emittente.

Dopo una prima selezione, basata sul gradimento del pubblico, le band entreranno nella fase più calda del contest dovendo raggiungere un target minimo di 50 voti, questo darà loro il diritto di essere giudicati da una giuria di esperti che valuteranno i progetti secondo i seguenti criteri:

  • capacità tecnica, esecutiva ed interpretativa;
  • sensibilità musicale;
  • qualità della sonorità complessiva

Solo ma migliore riuscirà ad esibirsi sul palco del Palacongressi di Rimini durante lo svolgimento del Web Marketing Festival 2017

Per tutte le informazioni e per partecipare al contest www.webmarketingfestival.it/rock-contest/

Il più entusiasmante Festival dedicato interamente al Digitale ritorna in una versione ancora più ricca al Palacongressi di Rimini dal 23 al 24 giugno 2017, che ha visto lo scorso anno partecipare più di 4 mila persone.

Anche quest’anno tante novità: giornalismo digitale, industry 4.0, digital trasformation, le nuove professioni digitali, social innovation sport, musica e una marea di idee digitali.

Il punto forte è l’offerta formativa unica che in tutta Italia ha già formato oltre 3 milioni persone tra on stage e on line. Saranno 30 le sale tematiche dedicate al programma formativo, tutte connesse e interattive

Tra queste torna la sala Digital Journalism, uno spazio dedicato a giornalisti ed editori digitali, che darà diritto a crediti formativi, le due nuove sale Branding e Programmatic che moltiplicheranno la conoscenza dei partecipanti verso i due argomenti più attuali del momento.

Nessuna sala a tema sarà di secondo piano, i partecipanti verranno immersi in una emozionante avventura, come la Startup Competition più grande d’Italia, il Rock Contest di Virgin Radio nato per aiutare i nuovi talenti a farsi conoscere, Digital Job Placement le aziende che cercano nuovi professionisti digitali e il WMF Lab il grande laboratorio digitale che avvicinerà studenti e giovani al mondo del lavoro digitale, in collaborazione con gli Atenei di Bologna, Torino, Pisa e IUSVEScopri le novità adesso su www.webmarketingfestival.it

Radio Garda FmLa Prima Radio del Lago di Garda” ha scelto di partecipare alla manifestazione per la sua vocazione naturale alla crossmedialità, elementi indispensabili per veicolare contenuti filosofia e idee, perché la radio del futuro è adesso.

Radio Garda Fm raccoglierà i momenti salienti dell’evento attraverso i profili Socials ufficiali e sulla piattaforma di riferimento www.radiogarda.fm e ringrazia l’organizzazione del Web Marketing Festival per aver accettato la proposta di mediapartnership.

 Radio Garda Fm ascolta, guarda e vivi la Tua vera natura! 

Egea Music (Cd)

Una dichiarazione d'amore a 360 gradi, l'abbandono completo dei sensi alla mercè del sentimento assoluto come l'amore, questo trasudano le parole vergate da Gabriele D'Annunzio nella poesia "Stringiti a me", che Patrizia Cirulli ha saputo sapientemente tradurre in musicaed inserire nell'ultimo lavoro discografico "Mille Baci", arrivato in finale al Premio Tenco aggiudicandosi il Premio Lunezia.

Il video della canzone "Stringiti a me", per la regia di Ottavio Tonti, ha visto la sua naturale collocazione al Vittoriale degli Italiani, la Prioria, dimora di Gabriele D'Annunzio, le cui porte si sono aperte, in via eccezionale, per ospitare la cantautrice milanese.

Le immagini scorrono lungo le pareti entrando nelle stanze dove l'impronta di D'Annunzio sembra impregnare ogni singolo oggetto, studiato nella sua posizione proprio per destare la curiosità di chi guarda.

Sicuramente un luogo plasmato sul suo creatore, defilato ma al centro dell'attenzione, lussurioso, spudoratamente provocatorio negli intenti e nei risultati, irriverente per le altrui esigenze.

L'appassionata e coinvolgente interpretazione di Patrizia Cirulli di "Stringiti a me", è una dichiarazione d'amore che ognuno vorrebbe ricevere dalla persona amata, ma l'intento del poeta era proprio questo? Non dimentichiamo che sullo stipite della porta della stanza da letto si trova un incipit "Genio et voluptati" (al genio e al piacere)

Una casa che è un invito ad osare sempre, alla ricerca del piacere assoluto, l'uomo per l'uomo, il vivere all'ennesima potenza, non un bene comune ma l'edonismo lasciato a testimone dall'uomo D'annunzio.

Un gioco d'astuzia, nell'uso delle parole, dell'autore per concupire la prescelta? Questa è un'altra storia.

Patrizia Cirulli ha una timbrica vocale riconoscibile definita proprio da Lucio Dalla una voce "insolita e straordinaria", artista dalla poliedrica visione della musica; non disdegna l'avvicinare la musica d'autore a quella leggera nella costante ricerca della multiforme capacità delle note di dare valore alle parole.

Ultima fatica dell'artista con l’album uscito nel 2016 dal titolo "Mille Baci", vede Patrizia Cirulli cimentarsi in più ruoli da interprete a compositrice e produttrice. Gli arrangiamenti sono curati da Lele Battista.

Un progetto ardito: portare in musica composizioni poetiche firmate da grandi autori italiani ed internazionali fra cui Garcia Lorca, Frida Kahlo, Catullo, il cui testo dà il nome al disco, Eduardo De Filippo, Oscar Wile, Alda Merini e Gabriele D'Annunzio.

Alcuni fra i migliori musicisti del panorama italiano hanno contribuito alla riuscita dell'operazione, come Tony Canto, Massimo Germini, Davide Ferrario, Luigi Schiavone, Giordano Colombo e degli ospiti che hanno duettato con Patrizia Cirulli da Sergio Muñiz a Fausto Mesolella, Lele Battista, Andrea Di Cesare.

“…Tu dammi mille baci e quindi cento, poi dammene altri mille e quindi cento..quindi mille continui e quindi cento… e quanto poi saranno mille e mille, nasconderemo il loro vero numero…”

E' già musica la lettura dei versi che Catullo duemila anni fa scrisse, una dichiarazione d'amore che nella sua estrema semplicità racchiude tutto il sentimento. 

L'appuntamento del Teatro Salieri di Legnago dedicato alle "Canzoni d'Italia" ha visto il suo epilogo con Fabio Concato e il suo Open Tour 2017, accompagnato da Ornella D'Urbano - arrangiamenti, piano e tastiere, Stefano Casali - basso, Larry Tomassini - chitarre e Gabriele Palazzi - batteria.

Una chiosa che lascia il segno per la semplicità, l'ironia e il garbo di Concato e l'intima connessione stabilita fin dalle prime battute con il pubblico.

Canzoni che hanno accompagnato la vita della maggior parte del pubblico presente e quindi un viaggio nei ricordi di tutti, mantenendo una coerenza nelle atmosfere e armonie jazz, senza cadere in un dialogo elitario ma al contrario un grande senso di appartenenza con il pubblico.

L'esordio discografico nel lontano 1977 con il primo album "Storie di Sempre" di cui Concato ha proposto l'ironica "A Dean Martin". Tra gli altri brani  "Domenica Bestiale" dall'album "Fabio concato" uscito nel 1982, "Rosalina", "Ti ricordo ancora" e "Fiore di maggio" dall'album "Fabio Concato" del 1984, "051/222525" un singolo drammaticamente attuale destinato al sostegno di Telefono Azzurro, inserito poi nell'album uscito nel 1990 "Giannutri" e la coinvolgente "Gigi", dedicata al padre Luigi Piccaluga, chitarrista e autore jazz, più noto come Gigi Concato, "Tutto qua" dall'omonimo album di inediti pubblicato nel 2012 dopo 11 anni dal precedente.

Una serata conviviale, quasi una “terapia” dall'onda frenetica della vita, uno stop a ricordare i sentimenti, la poesia e l'ironia. Concato dialoga con un pubblico “amico” che accetta di buon grado l'invito, scende in platea, saluta e diventa spettatore di se stesso unendosi al coro di tutto il Teatro.

Degno di nota l'intento sociale e benefico del Teatro Salieri che ha dedicato il trittico di concerti in programma per "Canzoni d'Italia" ad altrettante associazioni legnaghesi, con l'attivo coinvolgimento degli artisti che si sono esibiti nelle tre date: Cheryl Porter con un suo omaggio a Mia Martini e Mina per l'Associazione Iride O.n.l.u.s; Ornella Vanoni nel suo suggestivo "Free Soul" per l'Associazione Colomba Bianca e Fabio Concato con il suo diario dei ricordi "Open Tour 2017" per l'Associazione San Martino O.n.l.u.s.

 

Una chiusura che ha visto registrare il tutto esaurito, premiando la programmazione del Teatro Salieri.

Reduce dal debutto mondiale al Teatro Membrives di Buenos Aires, che ha visto un sold out in tutti gli spettacoli, dal debutto della tournee europea al Teatro degli Arcimboldi di Milano, è arrivato a Verona al Teatro Ristori "Raices Tango", ideato, coreografato e interpretato dalla leggenda del tango argentino Miguel Angel Zotto affiancato dall'espressività, sensibilità e sensualità di Daiana Guspero, compagna sul palco e nella vita.

Uno spettacolo nello spettacolo che sa coinvolgere tutti i sensi, dove l'aspettativa di vedere ballare il tango argentino è stravolta dal turbillon emozionale creato da un corpo di ballo di grande spessore artistico.

"Raices Tango" è un viaggio nella storia della danza argentina che si interseca con la potenza selvaggia degli Indios del Nuovo Mondo. Uno show sui generis, che parla di amore, cultura e rispetto per ogni essere; 25 artisti, 16 ballerini e 5 musicisti, che portano in scena il folklore e la cultura indigena e Gaùcha attraverso il Tango, una mescolanza nata tra le due identità quella India e Bianca.

La danza tribale amazzonica che rivive nella storica figura di Atucà Guaranì, Figlio del Vento, l'Indio Olegui, conosciuto in tutto il mondo come coreografo, maestro di folklore e malambo. danza antichissima che mescola tango e flamenco, che rivive sul palco l'immagine dell'indio e della boleadora, la sua arma, qui rivista in forma artistica, in un incalzante crescendo accompagnato dal battere ritmico della pianta, del tallone o della punta della scarpa sul suolo dello zapateo.

Sul palco si rivive l’atmosfera delle Pampas argentine con i Gauchos, maestri delle bolas, corde o lacci di cuoio, alle cui estremità sono legate delle palle di utilizzate come arma da caccia. Un'arte tramandata da padre in figlio, una danza che esprime forza, destrezza, abilità e seduzione in un vorticoso gioco di gambe, capace di evocare, nei sui passaggi, il passo del cavallo, accompagnato dal ritmo dei tamburi in un'enfasi frenetica e ipnotica.

E poi il tango argentino, il ballo di Buenos Aires trait d'union dei compadritos, dei migranti italiani, francesi, tedeschi, russi uniti da un unico sogno e sentimento, coniugati con eleganza e sensualità nella versione contemporanea Miguel Angel Zotto, il suo massimo esponente.

Cornice di tutto lo show il pubblico, istigato al risveglio dei sensi dalle movenze degli artisti.

 

La standing ovation finale, ha suggellato un successo assoluto al Teatro Ristori.

Pagina 1 di 5

instagram



News

  1. Real Time
  2. Culture
  3. Music
  4. Events
next
prev

ON AIR

MEDIAPARTNER DI

Photofestival

Photofestival

21-03-2017

Festival "Le Terre del Garda"

Festival "Le Terre del Garda"

21-03-2017

Aspargus

Aspargus

21-03-2017

WebCam

Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background

About Us

La Prima Radio del Lago di Garda.

RADIO GARDA FM ® : emittente radiofonica creata dai professionisti della radio nazionale.

RADIO GARDA FM ® è fornitore di contenuti per la trasmissione radiofonica digitale n.29, rilasciata dal Ministero dello Sviluppo Economico per le zone di: Verona, Trento, Brescia, Mantova, Vicenza, Padova e le provincie limitrofe.

more

Dove siamo

Contact us

captcha
Ricarica

Showcases

Background Image